Daniel D’Adamo è nato nel 1966 a Buenos Aires, dove ha iniziato gli studi di musica e filosofia. Nel 1992 si è trasferito a Lione per studiare composizione e computer music con Philippe Manoury e Denis Lorain al CNSMD. Più tardi ha studiato con Tristan Murail e Brian Ferneyhough presso l'IRCAM di Parigi.
Daniel D’Adamo ha avuto numerosi riconoscimenti quali il  premio Boucourechliev, il Prix de Printemps della SACEM, il premio Charles Cros Academy per la registrazione di Plier/Déplier, il suo primo quartetto per archi con elettronica. Tra il  1997 e il 1999 è stato compositore in residenza a Villa Medici, presso l'Accademia di Francia a Roma.
Il suo catalogo comprende più di 50 lavori per diversi organici strumentali e vocali, per musiche da concerto o di scena, con o senza elettronica.
La sua musica è eseguita in tutto il mondo da solisti, ensemble e orchestre in concerti e festival quali: Manifeste Ircam-Paris, Ars Musica-Bruxelles, Présences Radio France-Paris, Musiques en Scène-Lyon, Voix Nouvelles-Royaumont, Archipel-Geneva, Inventionen-Germany, Journées de Contrechamps-Geneva, Nuova Consonanza-Italy, BIFEM-Australia, CETC Colon opera house-Argentina, etc.
Dopo aver insegnato composizione musicale al conservatorio di Reims, Daniel D’Adamo è attualmente professore al  HEAR Art Academy e al Conservatorio musicale di Strasburgo.
Insegna anche presso la Royaumont Academy e, dal 2017, è direttore del Philippe Manoury-Musica Festival dell'Accademia di composizione di Strasburgo.
Insegna analisi musicale presso il CNSM di Parigi e al Conservatorio di Tours.
Le sue composizioni sono pubblicate da Le Chant du Monde, Parigi.