Vocalità jazz: repertorio e improvvisazione. Masterclass a cura di Diana Torto – 20/22-09-2017

Vocalità jazz: repertorio e improvvisazione. Masterclass a cura di Diana Torto – 20/22-09-2017

 

 

 

Vocalità Jazz:

Repertorio e Improvvisazione

Masterclass a cura di Diana Torto

Dal 20 al 22 settembre 2017

Parma, Sala Capriate del Conservatorio di Musica "Arrigo Boito"

(Regolamento per le iscrizioni di studenti interni ed esterni alle Masterclass del Boito)

(Come usare la Carta del docente per iscriversi alle masterclass e seminari del Boito)

 

 

 

Calendario:

- mercoledì 20 settembre 2017 dalle 10:30 alle 13:00 e dalle 14:30 alle 17:30, Sala Capriate del Conservatorio "A. Boito";

- giovedì 21 settembre 2017 dalle 10:30 alle 13:00 e dalle 14:30 alle 17:30, Sala Capriate del Conservatorio "A. Boito";

- venerdì 22 settembre 2017 dalle 10:30 alle 13:00 e dalle 14:30 alle 17:30, Sala Capriate del Conservatorio "A. Boito";

 

 

Descrizione: 

Diana Torto, già docente del Conservatorio di Musica "Arrigo Boito", terrà una masterclass per gli studenti delle classi di canto, rivolta in modo particolare agli allievi dell'indirizzo jazz, ma anche a quelli di Pop e classico che vorranno partecipare. Le lezioni verteranno sull’utilizzo “strumentale” della voce sia nel repertorio jazz che nell’improvvisazione. In questo modo la docente metterà a disposizione degli studenti la sua preziosa esperienza, maturata attraverso la frequentazione di molti e diversi linguaggi musicali.

 

  

Diana Torto, cantante di estrazione jazzistica ha collaborato con alcuni dei migliori musicisti italiani e stranieri quali Kenny Wheeler, John Taylor, Anders Jormin, Palle Danielsson, Chris Laurence, John Riley, Mike Stern, Nguyên Lê, Louis Sclavis, Danilo Rea, Stefano Battaglia, Enrico Pieranunzi, Uri Caine, Paolo Fresu, Enrico Rava, Vince Mendoza, Jules Buckley, Michael Abene, Steve Coleman, Paolo Damiani, L'Altenberg Trio, il Quartetto per archi “Hugo Wolf” di Vienna, Michael Riessler, Gianluigi Trovesi, Alfredo Impullitti, Gino Paoli, Stefano Benni, la WDR big band, la Metropole Orchestra, l'Orchestra del Teatro Comunale di Bologna, ecc. 
Nel corso della sua carriera ha effettuato concerti in Francia, Svizzera, Inghilterra, Germania, Belgio, Austria, Polonia, Svezia, Danimarca, Norvegia, Olanda, Portogallo, Irlanda, Lussemburgo, Israele, Canada e ha partecipato ai festival di Grenoble, Bordeaux, Le Mans, Jazz Ahead di Bremen, Jerusalem Jazz Festival, Umbria Jazz, Umbria Jazz Winter 2, Ravenna Festival, Lucca, Noci, Roccella Jonica (diverse edizioni), Cantiere Internazionale D'Arte di Montepulciano, Villa Celimontana e Massenzio di Roma, Pescara Jazz, Parma Jazz Frontiere, Vicenza Jazz, Iseo Jazz, ecc. e suonato in prestigiose sale come la Wigmore Hall di Londra, l’Opera House di Tel Aviv, la Opera Haus di Lipsia, la Robert Schumann Saal di Düsseldorf, la Lutoslawski Philarmonic Hall di Wroclaw, il Teatro Olimpico di Vicenza, il Piccolo Teatro di Milano, Auditorium Parco della Musica di Roma, l'Auditorium del Lingotto di Torino, ecc.
Docente di canto e improvvisazione presso il Conservatorio di Bologna, di Verona e alla Siena Jazz University; ha inoltre insegnato nei Conservatori di Milano, Parma, Pescara, Frosinone, Adria e tiene inoltre masterclass in Italia e all'estero. 
Nel '98 ha partecipato alla realizzazione di "Sconcerto", un progetto di Paolo Damiani e Stefano Benni, presentato al Festival "Rumori Mediterranei" e pubblicato in CD per l'etichetta "Materiali Musicali-Il Manifesto". 
Nel 2004 il CD Ladybird del Paolo Damiani ensemble è votato quale secondo miglior disco dell’anno italiano dalla rivista “Musica Jazz” nel referendum Top Jazz 2004. Successo bissato e migliorato con il nuovo CD Al tempo che verrà del Paolo Damiani Ensemble, votato quale miglior CD del 2007 sia da Musica Jazz, che da Jazz Magazine.
Nel corso degli ultimi anni inoltre ha svolto una collaborazione stabile con Kenny Wheeler. Assieme al compositore canadese si è esibita in diverse formazioni con successo di critica e pubblico in Italia, Regno Unito, Svizzera, Germania, Lussemburgo, Svezia, Norvegia, Polonia, Israele e Canada.
Tra gli impegni di questi ultimi anni assieme a Wheeler vanno menzionati: le prime esecuzioni assolute e le incisioni di diversi pezzi orchestrali di Wheeler e degli arrangiamenti per big band di Kenny Wheeler degli standard: The Man I Love, I Should Care, Stella by Starlight e When Your Lover Has Gone; la registrazione per la Radio Olandese assieme a Kenny Wheeler e la Metropole Orchestra sotto la direzione di Vince Mendoza di Double Double You di Kenny Wheeler e dell’arrangiamento di The Man I Love; la prima esecuzione italiana della Suite 2005 di Kenny Wheeler al Teatro Comunale di Modena. A coronamento di questa collaborazione citiamo la partecipazione nel 2010 di Diana Torto al tour inglese per l'80° compleanno di Wheeler e alla successiva registrazione in disco per la CAMjazz dei brani eseguiti durante i concerti e infine la registrazione, assieme alla WDR big band, di due diverse produzioni radiofoniche con musiche inedite del compositore canadese: febbraio 2009 & marzo 2011.
La registrazione per la CAMjazz, The Long Waiting, è stata giudicata dalla prestigiosa rivista americana Downbeat con il massimo dei giudizi (5 stelle) e nella recensione viene specificatamente indicata come una delle componenti che hanno contribuito all'efficacia generale del disco. «Diana Torto [...] might be one of the main musicians, aside from Wheeler himself, who is responsible for the tone of the album»; Jon Ross, Downbeat, Settembre 2012. 
In questi anni poi si è anche particolarmente intensificata l’attività con il pianista John Taylor con cui suona regolarmente in duo sia in Italia che all’estero dal 2005: Inghilterra, Belgio, Germania, Austria, Danimarca, Olanda e Irlanda. Data la particolare affinità e l’interplay creati sul palco il duo chiama spesso a interagire e a collaborare il fantastico musicista e amico: il contrabbassista Anders Jormin.
Nel settembre 2008 Diana Torto a suggellare questa collaborazione, assieme a John Taylor e ad Anders Jormin, ha registrato un CD dal titolo Triangoli a proposito del quale John Fordham, il prestigioso critico inglese, su The Guardian ha scritto: “Diana Torto è una cantante di immensa classe e di sottile forza emozionale...”. 
Infine menzioniamo la collaborazione nel progetto Cinema Songs di Danilo Rea e Gino Paoli, per il festival OST di Reggio Emillia ed è poi stato replicato in alcune delle più importanti rassegne e sedi italiane: Bologna (piazza Maggiore), Roma (Auditorium della Musica), Ravenna (Ravenna Festival) e Perugia (Umbria Jazz). 
Di particolare importanza il sodalizio creatosi negli ultimi anni con la WDR big band. Oltre alle due già menzionate produzioni assieme a Wheeler, Diana Torto è stata invitata nel marzo 2010, assieme al pianista John Taylor, in un progetto appositamente commissionato dalla prestigiosa orchestra europea - Close Encounters - in cui sono state eseguite in concerto e registrate per la radio tedesca delle versioni orchestrali del repertorio del duo oltre a nuove composizioni scritte per l'occasione da John Taylor e Kenny Wheeler. Nell'aprile 2012 è stata ospite di un'altra produzione che vedeva coinvolte la big band assieme all'Orchestra Radiofonica della WDR: Antiche Danze e Canti Italiani. Il successo e il riscontro di queste produzioni hanno portato come naturale conseguenza un invito per un nuovo progetto nell'autunno 2012 per il festeggiamento del 70° compleanno di John Taylor, presentata in concerto nella prestigiosa Opera Haus di Lipsia lo scorso settembre. E ancora nel giugno 2013 Diana Torto è stata protagonista di una speciale produzione MediterraNeo. Il progetto è stao presentato in concerto in Portogallo e in Germania e trasmesso alla radio tedesca e presto verrà pubblicato in disco.
Tra gli impegni futuri: Nel gennaio di quest'anno è stata chiamata dal compositore Emanuele Casale per la prima rappresentazione della versione riveduta della talk-opera Conversazioni su Noam Chomsky, che sarà presentata all'Auditorium Parco della Musica di Roma e in cui comparirà, quale interprete di se stesso, Noam Chomsky stesso; infine nel marzo di quest'anno Diana Torto sarà ancora una volta ospite della WDR big band per un anniversario del terzo canale radiofonico della WDR: in questo concerto la WDR invita alcuni tra i più importanti ospiti della big band degli ultimi anni. 
Diana Torto è l'unica artista a livello mondiale ad essere stata invitata otto volte consecutivamente dalla prestigiosa orchestra tedesca nell'arco di soli cinque anni.

 

 

Per informazioni e iscrizioni:

Roberto Bonati, roberto.bonati@conservatorio.pr.it

Norme per le iscrizioni alle masterclass di studenti interni ed esterni