Parole da ascoltare: L’importante è esagerare. Storia di ENZO JANNACCI. Presentazione del libro di Nando Mainardi e concerto – 10-02-2018 ore 17:00

Parole da ascoltare: L’importante è esagerare. Storia di ENZO JANNACCI. Presentazione del libro di Nando Mainardi e concerto – 10-02-2018 ore 17:00

 

 

 

Parole da ascoltare

L’importante è esagerare

Storia di ENZO JANNACCI

Sabato 10 febbraio 2018, ore 17.00

– Auditorium del Carmine –

Ingresso libero

 

Presentazione del libro:

Nando Mainardi, L’importante è esagerare. Storia di ENZO JANNACCI, Milano, Vololibero, 2017.

Con Nando Mainardi e Michele Ballarini

 

Concerto:

canzoni di Enzo Jannacci rielaborate da Susanna Parigi ed Emilio Ghezzi, interpretate dagli studenti del corso di Canto Popular Music del Conservatorio “A. Boito”

 

 

 

L'importante è esagerare non è soltanto il titolo di una canzone: è una dichiarazione di guerra, una confessione esistenziale. Di certo Enzo Jannacci - il suo autore e interprete - è stato il cantautore più esagerato della storia della canzone, in grado di unire opposti normalmente inconciliabili: la tristezza e l'allegria, la tragedia e la farsa, la disperazione e la leggerezza. Alla sua storia artistica, unica e irripetibile, è dedicato il primo appuntamento di "Parole da ascoltare" 2018, con la presentazione del libro di Nando Mainardi, che sarà seguita da un concerto a tema.

 

Nando Mainardi è nato nel 1972 a Fiorenzuola d’Arda (Piacenza), dove risiede. Attualmente lavora nel campo della comunicazione e della formazione. Laureato in Scienze Politiche con una tesi su Giorgio Gaber, nel 2012 ha pubblicato il libro Enzo Jannacci. Il genio del contropiede e nel 2014 Ossessione Calcio. Storie di football e nostalgie. Per Vololibero ha pubblicato nel 2016 La magnifica illusione. Giorgio Gaber e gli anni 70.Ha collaborato con diverse testate giornalistiche e radiofoniche, occupandosi di politica, canzoni e calcio. In particolare ha curato per Radio Città Fujiko, nel 2013, lo speciale “Io non mi sento italiano. Dieci anni senza Gaber”. Collabora inoltre con il cantautore Davide Zilli per reading musicali sui cantautori milanesi.