Ouverture, cantata, concerto grosso e sinfonia nel XVII e XVIII secolo. Laboratorio di prassi esecutiva della musica antica a cura di Petr Zejfart – 23/30-04-2016

Ouverture, cantata, concerto grosso e sinfonia nel XVII e XVIII secolo. Laboratorio di prassi esecutiva della musica antica a cura di Petr Zejfart – 23/30-04-2016

OUVERTURE, CANTATA, CONCERTO GROSSO E SINFONIA NEL XVII E XVIII SECOLO

Laboratorio di prassi esecutiva della musica antica a cura di Petr Zejfart

Dal 23 al 30 aprile 2016

Parma, Auditorium del Carmine / Sagrestia grande di San Rocco

 

 

 

Calendario:

- sabato 23 aprile 2016 dalle 9:00 alle 13:00 e dalle 14:00 alle 17:00, sagrestia grande di San Rocco;

- martedì 26 aprile 2016 dalle 9:00 alle 13:00 e dalle 14:00 alle 17:00, sagrestia grande di San Rocco;

- mercoledì 27 aprile 2016 dalle 9:00 alle 13:00 e dalle 14:00 alle 17:00, sagrestia grande di San Rocco;

- giovedì 28 aprile 2016 dalle 9:00 alle 13:00 e dalle 14:00 alle 18:00, Auditorium del Carmine;

- venerdì 29 aprile 2016 dalle 9:00 alle 13:00 e dalle 14:00 alle 18:00, Auditorium del Carmine;

- sabato 30 aprile 2016 dalle 14:30 alle 18:00, Auditorium del Carmine;

Descrizione: 

Corso pratico, rivolto agli studenti di strumento moderno, interessati ad avvicinarsi al mondo della musica antica. La filologia musicale, intesa come prassi esecutiva corretta e consapevole della partitura d'epoca, essendo da tempo uscita dalla fase di sperimentazione, è ormai parte indispensabile della formazione globale del giovane musicista. Il Prof. Petr Zejfart, docente di Musica di Insieme per fiati del Conservatorio di Musica "Arrigo Boito", insegna da anni curando anche formazioni miste. Una delle principali finalità del corso, è quella di fornire all’allievo la conoscenza di nuovi orizzonti interpretativi, basati su esperienze ormai consolidate attraverso la pratica con gli strumenti d’epoca.

Il corso si concluderà con un concerto, che si terrà sabato 30 aprile 2016, ore 20.30 nell'Auditorium del Carmine, in cui gli allievi verranno diretti da Zejfart nell'esecuzione di musiche di J. B. Lully, T. Albinoni, J. S. Bach, W. A. Mozart, J. Haydn, J. D. Zelenka.

 

 

Petr Zejfart nato a Praga nel 1957, ha conseguito il diploma in flauto traverso moderno al Conservatorio e all’Accademia delle Belle Arti della sua città nativa. Ha tenuto concerti in tutta Europa come solista e come componente di vari gruppi da camera ed orchestre. Dopo il suo trasferimento in Italia ha intrapreso lo studio del flauto dolce sotto la guida di Pedro Memelsdorf. Nel 1995 ha compiuto una serie di concerti e corsi in Giappone.

Svolge attività concertistica con il gruppo Musica Concertiva da lui formato, con il quale ha inciso per la Supraphon. Collabora regolarmente con l’ensemble Il Giardino Armonico, Europa Galante e Accademia Bizzantina. Con questi gruppi ha registrato per la Teldec e la Virgin. Nel 2001 ha collaborato con l’Orchestra sinfonica della Scala di Milano, diretta da Riccardo Muti. Nell’ambito del repertorio preromantico collabora come direttore con vari gruppi strumentali ed orchestre da camera.

Insegna musica d’insieme per strumenti a fiato al Conservatorio “A. Boito” di Parma. Si interessa alla costruzione di strumenti a tastiera e nel 1999 ha realizzato in collaborazione con O. Lusetti e M. Barchi una copia dell’organo positivo di J.G. Naser (1734), custodito presso il Museo Nazionale degli strumenti musicali di Norimberga.

 

Per informazioni e iscrizioni:

prof. Petr Zejfart, petr.zejfart@conservatorio.pr.it