Masterclass di Fagotto a cura di Stefano Canuti, Valentino Zucchiatti e Philipp Tutzer – dal 19-11-2018 all’11-04-2019

Masterclass di Fagotto a cura di Stefano Canuti, Valentino Zucchiatti e Philipp Tutzer – dal 19-11-2018 all’11-04-2019

 

 

 

Masterclass di fagotto

A cura di

Stefano Canuti 

Philipp Tutzer

Valentino Zucchiatti

Valentino Zucchiatti: lunedì 19 novembre e lunedì 3 dicembre 2018

Philipp Tutzer: martedì 5, mercoledì 6 e giovedì 7 febbraio 2019

Stefano Canuti: lunedì 25 marzo e giovedì 11 aprile 2019

Parma, Conservatorio di Musica "Arrigo Boito"

Regolamento per le iscrizioni alle Masterclass del Boito

Come usare la Carta del docente per iscriversi alle masterclass e seminari del Boito

 

 

 

Calendario:

- Lunedì 19 novembre 2018, dalle 9:00 alle 19:00, Auditorium del Carmine;

- Lunedì 3 dicembre 2018, dalle 9:00 alle 19:00, Auditorium del Carmine;

- Martedì 5 febbraio 2019, dalle 9:00 alle 19:00, Sala Capriate del Conservatorio “A. Boito”;

- Mercoledì 6 febbraio, dalle 9:00 alle 19:00, Sala Merulo del Conservatorio “A. Boito”;

- Giovedì 7 febbraio, dalle 9:00 alle 19:00, Sala Verdi del Conservatorio “A. Boito”;

- Lunedì 25 marzo 2019, dalle 9:00 alle 19:00, Auditorium del Carmine;

- Giovedì 11 aprile 2019, dalle 9:00 alle 19:00, Auditorium del Carmine;

 

Descrizione:

Le masterclass sono rivolte all’approfondimento dei principali pezzi solistici per fagotto; la scansione temporale permette lo studio dei temi trattati nelle varie giornate. Le masterclass sono inserite in un progetto di scambio con l’Istituto Musicale Pareggiato Peri di Reggio Emilia, dove gli allievi del Conservatorio di Musica "Arrigo Boito" parteciperanno a loro volta a una masterclass, mentre gli allievi della classe di fagotto dell’IMP Peri saranno ospiti del Conservatorio Boito.

 

 

Stefano Canuti nasce a Parma nel 1961 e si avvicina alla musica all’età di nove anni grazie allo studio della chitarra classica. Solamente a 16 anni intraprende la strada del fagotto. Dopo cinque anni di studio e grazie al prezioso insegnamento di Ovidio Danzi, si diploma con il massimo dei voti. Da subito entra a far parte, in qualità di primo fagotto,dell’orchestra del Maggio Musicale Fiorentino ed in seguito dell’allora orchestra della RAI di Torino. Il carattere irrequieto ed il rifiuto per la routine portano Canuti a intraprendere nuove e stimolanti esperienze: il solismo e la musica da camera diventano presto la sua ragione di far musica. Queste esperienze solistiche lo portano a suonare nelle sale più importanti di tutto il mondo, dall’Europa (Francoforte, Milano, Vienna, Londra, Manchester, Amsterdam ..) agli Stati Uniti (Chicago, Minneapolis, Bloomington, Phoenix...) al Sud America (Buenos Aires e Caracas) al Canada (Banff) e in Cina ( Pechino, Shanghai..) Ha al suo attivo una decina di incisioni come solista, ed alcune di queste (Fantasie di bravura e Bassoon Images) hanno ricevuto lusinghiere critiche e premi importanti (Double Reed Journal). Per il 25°anniversario della società internazionale delle doppie ance (IDRS) è stato invitato insieme a S.Azzolini, quali unici europei, a partecipare all’incisione del CD commemorativo registrando i duetti di Gebauer dal Barbiere di Siviglia di Rossini. Il desiderio di suonare ancora la grande musica sinfonica e la maturità artistica portano Canuti a ricoprire il ruolo di fagotto solista nelle file di grandi orchestre quali la Mahler Chamber Orchestra diretta dal M°Claudio Abbado e la Symphonica Toscanini di cui è direttore musicale il M° Lorin Maazel. Canuti è altresì impegnato come docente in Europa,Usa,Sud America e Cina tenendo annualmente masterclasses ed è titolare della cattedra di fagotto presso il Conservatorio di musica “Campiani”di Mantova. Nel 2003 è stato invitato dal M°Antonio Abreu a istituire la scuola di perfezionamento di fagotto presso la “Fundacion del Estado para el Sistema Nacional de las Orquestas Juveniles e Infantiles de V enezuela. Alcuni dei suoi studenti provenienti da diversi stati (Usa,Australia,Inghilterra,Finlandia,Sud America,Portogallo) occupano ora importanti posti in orchestra. Dal 2008 è docente del Conservatorio Superior de Musica de Aragon. Nel 2010 gli viene assegnato il ruolo di " International Chair of Bassoon " presso il Royal Northern College of Music di Manchester.

 

Philipp Tutzer nasce a Bolzano nel 1983 e inizia lo studio del fagotto con il Maestro Claudio Alberti al Conservatorio “Claudio Monteverdi“, dove nel 2001 ottiene il diploma con il massimo dei voti. Dal 2002 al 2005 studia alla "Universität für Musik und darstellende Kunst Wien" con il Maestro Stepan Turnovsky, primo fagotto dell’Orchestra Filarmonica di Vienna. Durante questi anni partecipa all'Accademia Gustav Mahler di Bolzano e diventa membro della “European Union Youth Orchestra” e del Orchestra Giovanile Gustav Mahler. Nel 2004 vince il suo primo premio da solista al "Concorso Internazionale Mozart" a Rovereto. Da ottobre 2005 studia alla "Hochschule für Musik und Theater Hannover" con il Maestro Dag Jensen e partecipa a corsi di perfezionamento con i Maestri Klaus Thunemann e Sergio Azzolini.Nel 2006 vince due premi al Concorso Internazionale per Fiati "AEOLUS" a Düsseldorf. In Giugno 2007 vince il Concorso Internazionale "Kurt Alten" e si diploma con lode ad Hannover. Dal 2007 Philipp Tutzer ricopre il ruolo del Primo Fagotto Solista del "Mozarteum Orchester Salzburg". In settembre 2008 viene premiato al Concorso Internazionale indetto dalla ARD di Monaco di Baviera, al quale seguono concerti da solista con l’Orchestra Sinfonica di Düsseldorf, l’Orchestra da Camera di Colonia, l’Orchestra Sinfonica di Norinberga, l’Orchestra della Radio di Baviera (BR), l’Orchestra da Camera di Monaco, il Deutsches Symphonie Orchester Berlin, il Mozarteumorchester Salzburg, la Neue Philharmonie Westfalen, la Filarmonica di Zagabria e il Niederösterreichisches Tonkünstlerorchester. Si esibisce fra l’altro nella Philharmonie di Berlino, nel Wiener Musikverein e ai Salzburger Festspiele. Tutzer registra musica di J. S. Bach e L. Berio per la Deutschlandradio e partecipa ai festival di Lockenhaus, Transart e Klangspuren, eseguendo un brano composto per lui e il quartetto "Arditti" dal compositore E. Demetz. Inoltre é membro dei Salzburg Orchester Solisten ed é ospitato dalla Filarmonica di Rotterdam, la Mahler Chamber Orchestra, la Camerata Salzburg, il NDR Hamburg e i Filarmonici di Vienna e Berlino. Dal 2011 é Professore di Fagotto all’ Universita’ di Musica a Linz.

 

Valentino Zucchiatti è nato nel 1961 a Udine, ha studiato fagotto con i maestri Voiko Cesar e Gilberto Grassi. Nel 1979 si è trasferito a Torino per frequentare i corsi di informatica all’università. Qui ha conosciuto il maestro Vincenzo Menghini col quale si è diplomato tre anni più tardi col massimo dei voti e la lode. Si è immediatamente distinto in alcuni concorsi internazionali. Nell’83 ha frequentato i corsi di perfezionamento all’accademia di Portogruaro con Ovidio Danzi. Nell’84 vince il concorso di primo fagotto nell’orchestra del teatro alla Scala diventando così anche primo fagotto dell’omonima Filarmonica. Da allora collabora a tutte le tournée, incisioni e registrazioni televisive della prestigiosa orchestra. Nell’86 si reca a Philadelphia per studiare con Bernard Garfield, primo fagotto della Philadelphia Orchestra. Ha continuato la sua formazione artistica con Brian Pollard, per cinquant’anni fagottista solista del Concertgebouw Royal Orchestra. Collabora con importanti gruppi di musica da camera, anche unitamente ad alcuni solisti dei Wiener Philharmoniker, Berliner Philharmoniker, Bayerischer Rundfunk Orch., della Bayerisches Staatsoper e dell’Orch. de Paris. Ha fatto parte di commissioni giudicatrici in numerosissimi concorsi internazionali. Nell’89 ha svolto una importante tournée solistica nelle principali città del Giappone tenendo anche delle conferenze in alcune importanti Università. Nel’92 ha dato un recital alla I.D.R.S. Convention di Francoforte e ha fatto parte della giuria della “Ferdinand Gillette International Competition”. Nel marzo ’93 ha inciso come solista un concerto di Vivaldi con Riccardo Muti e la Filarmonica della Scala per la EMI. Nel 2002 ha effettuato una importante tournèe con l’orchestra del Friuli Venezia Giulia che lo ha portato ad esibirsi come solista al Musikverein di Vienna e alla Scala. Da 16 anni è docente al prestigioso corso di perfezionamento di Riva del Garda ed è regolarmente invitato alle Master Classes internazionali di Hamamatsu. Dal 2002 al 2004 ha insegnato ai corsi estivi di Città di castello. E’ stato docente alle accademie annuali di alto perfezionamento orchestrale del Teatro alla Scala di Milano e della fondazione Arturo Toscanini di Parma, all’accademia di Ca’ Zenobio a Treviso nonché ai bienni superiori dei Conservatori di Udine e Padova. Effettua regolarmente masterclass nelle Università di Tokyo Geidai, Stoccarda e Würzburg. Attualmente insegna all’Università di Maastricht e di Colonia.

 

Per informazioni e iscrizioni:

Prof. Luca Reverberi, luca.reverberi@conservatorio.pr.it

Regolamento per le iscrizioni alle Masterclass del Boito