LabRetMus. Il testo tradito # 2: la Passacaglia di Bach – 22-03-2016

LabRetMus. Il testo tradito # 2: la Passacaglia di Bach – 22-03-2016

LabRetMus. Laboratorio di Retorica Musicale

Il testo tradito # 2: la Passacaglia di Bach

Seminario - Giornata di studio a cura del Prof. Luigi Abbate

Martedì 22 marzo 2016

Auditorium del Carmine - Sala Merulo del Conservatorio di Musica “Arrigo Boito”, Parma

 

 

 

Calendario:

- martedì 22 marzo 2016 dalle 10:00 alle 13:00 e dalle 14:00 alle 17:00, Sala Merulo del Conservatorio e Auditorium del Carmine;

 

Descrizione:

 

Sala Merulo

 

Ore 10,00      Introduzione: un modello di comportamento

 

Prima sessione:  Storia antica e declinazioni piú recenti della Forma-Passacaglia

Ore 10,30     Roberto Gini      Tenori, Arie e Cantilene

Ore 11,15     Carlo Lo Presti     The Turn of the Screw di Benjamin Britten

Ore 12,00     Alessandro Boratti  La Passacaglia op. 1 di Anton Webern

 

Seconda sessione: La Passacaglia e Fuga di Johann Sebastian Bach

Ore 14,00    Gabriele Agrimonti  L’originale per organo

Ore 14,45    Michele Marocchi  Due versioni per due pianoforti: Tagliapietra e Philipp

Ore 15,30    Andrea Saba      Due versioni per orchestra: Goedicke e Respighi

Ore 16,15    Conclusioni

 

Auditorium del Carmine

Ore 18,00

Guida all’ascolto

Luigi Abbate, con Gabriele Agrimonti e Michele Marocchi:

Il testo tradito: la Passacaglia di Bach

 

 

 

Seconda tappa del progetto Il testo tradito, momento di approfondimento con esecuzioni dal vivo che focalizza l´attenzione sul rapporto fra un´importante pagina originale della letteratura musicale e le sue riletture, sotto forma di trascrizioni spesso autorevoli, che si sono prodotte nel tempo. Come avvenuto con la Ciaccona di Bach, su cui erano puntati i riflettori della prima edizione, svoltasi nel maggio del 2014, in questo secondo momento è ancora un altro un capolavoro bachiano, la Passacaglia e Fuga per organo, a essere riconosciuto attraverso i “tradimenti ” delle sue trascrizioni strumentali pianistiche (a 2 e 4 mani per uno o due pianoforti), piuttosto che orchestrali. Forse con qualche sorpresa che attende l´analisi di queste ultime versioni. Gli interventi riguardanti il lavoro di Bach e le sue trascrizioni si svolgono nel corso della sessione pomeridiana, mentre nella prima parte della giornata le relazioni prendono in esame la forma-passacaglia, dalle origini ad alcuni fra i suoi piú significativi esempi del Novecento. E come in occasione della precedente edizione de Il testo tradito, anche questa volta la giornata è costruita sulla base della presenza, fra relatori ed esecutori, di docenti, allievi ed ex-allievi del nostro Conservatorio.

Docenti e allievi del Conservatorio di Parma

Il Prof. Luigi Abbate è docente di Composizione
Il Prof. Roberto Gini è docente di Viola da gamba e Musica d´insieme per strumenti antichi
Il Prof. Carlo Lo Presti è docente di Storia ed estetica musicale
Il Prof. Andrea Saba è docente di Direzione d´orchestra di fiati e di Informatica musicale.

Gabriele Agrimonti è attualmente allievo diplomando in Organo e Composizione organistica (classe del Prof. Mario Verdicchio)
Alessandro Boratti ha conseguito il diploma di laurea nel Biennio di Composizione (A.A. 2014-15)
Michele Marocchi ha conseguito il diploma in Pianoforte (A.A. 2007-08), e attualmente è allievo di Composizione (classe del Prof. Luigi Abbate)