LA MUSICA DELL’ESILIO nel 50° Anniversario della morte di MARIO CASTELNUOVO-TEDESCO. Giornata di studi e interventi musicali – 20-09-2018 ore 17:00

LA MUSICA DELL’ESILIO nel 50° Anniversario della morte di MARIO CASTELNUOVO-TEDESCO. Giornata di studi e interventi musicali – 20-09-2018 ore 17:00

 

 

 

LA MUSICA DELL’ESILIO

nel 50° Anniversario

della morte di

Mario Castelnuovo-Tedesco

(Firenze, 1895 - Los Angeles, 1968)

Giovedì 20 settembre 2018, ore 17:00

– Auditorium del Carmine –

Ingresso libero

 

“LA PENNA PERDUTA”

Scritti di Mario Castelnuovo-Tedesco (1919-1936)

presentazione del volume edito da Aracne (2017)

a cura di MILA DE SANTIS, Università degli Studi di Firenze

 

interverranno

DIANA CASTELNUOVO-TEDESCO (nipote del compositore)

MARIANNE TANSMAN (figlia del compositore Alexandre Tansman)

CARLO LO PRESTI - LORENZO MICHELI - MASSIMO FELICI

 

Interventi musicali a cura delle Classi di

Musica da camera, Arpa, Chitarra, Flauto, Fagotto

del Conservatorio “A. Boito” di Parma

 

 

 

Nel 2018 ricorre il 50° Anniversario della morte di Mario Castelnuovo-Tedesco. Allievo di Ildebrando Pizzetti, lasciò l’Italia all’affacciarsi del secondo conflitto mondiale. La sua vita e la sua carriera musicale, come quelle di molti altri grandi musicisti europei, furono segnate irreversibilmente dalla fase storica delle persecuzioni politiche e razziali. Interpreti entusiasti della sua musica, già molto prima che lasciasse l’Italia, furono Heifetz, Piatigorsky, Gieseking, Toscanini, Segovia, Mitropoulos; suoi amici per tutta la vita furono Nino Rota, Alfredo Casella, Virgilio Mortari, Jacopo Napoli, Arturo Loria. Frequentò inoltre Puccini, D’Annunzio e Pirandello. Condivisero la sua sorte, emigrando oltre oceano, Rosza, Stravinskij, Milhaud, Schoenberg, Tansman, De Falla, Bartok, Hindemith. Sono stati, infine, suoi allievi i più grandi compositori della storia del cinema americano: André Prévin, Elmer Bernstein, John Williams, Jerry Goldsmith, Henry Mancini.

 

“E la mattina dopo (il 13 luglio 1939) salpammo. Quel che provai in quel momento non lo saprei ridire; e chi non conosce l’amarezza dell’espatrio non lo può immaginare. Non si può parlare di dolore, di rimpianto, di sofferenza morale: fu quasi uno strazio fisico, uno strappo, una mutilazione (mi parve quasi la prova generale della morte); e da allora qualche cosa è definitivamente morta in me: non la speranza, ma l’illusione; e se qualche cosa mi ha tenuto in vita è stato l’amore per i miei cari e l’amore per la musica. Per quanto cogli anni mi sia sinceramente affezionato al mio paese d’adozione, non ho saputo più attaccarmi agli uomini e alle cose; ho vissuto come sospeso a mezz’aria, come in una nuvoletta, in attesa: senza rancori (anzi coll’animo pieno di comprensione e di pietà per questa povera umanità martoriata), ma ormai “lontano”.

MARIO CASTELNUOVO-TEDESCO (da “Una vita di musica” - Cadmo, Fiesole 2005)

 

 

MILA DE SANTIS, diplomata in pianoforte e laureata in lettere, ha insegnato Storia della Musica e Letteratura poetica e drammatica presso alcuni Conservatori italiani ed è ricercatrice di Storia della musica moderna e contemporanea presso la Facoltà di Lettere dell’Università di Firenze. Si è occupata di musica italiana del Settecento e del Novecento (in particolare Casella, Dallapiccola, Savinio) e di poesia per musica. È membro del Comitato scientifico del Centro di Studi musicali Ferruccio Busoni di Empoli e collabora al LESMU (Lessico della teoria e della critica musicale), progetto coordinato da Fiamma Nicolodi e Paolo Trovato. Tra le sue principali pubblicazioni: Savinio e la musica: un amore difficile, Catalogo critico del fondo Alfredo Casella presso la fondazione Giorgio Cini di Venezia, Per lo studio dei processi cretivi di Luigi Dallapiccola. Primi appunti sulle carte musicali dell’archivio "Alessandro Bonsanti" di Firenze, Fondo Luigi Dallapiccola. Autografi, scritti a stampa, bibliografia critica, con un elenco dei corrispondenti, Sulla strada della dodecafonia. Appunti dalle carte del Fondo Dallapiccola, Testi poetici e rappresentazione musicale in Luigi Dallapiccola, Casella e il testo poetico, Introduzione a “Mario Castelnuovo-Tedesco: Una vita di musica”.