I Concerti del Boito: Connessioni. Adriana Cicogna (mezzosoprano), Leonardo Bartali (viola), Claudia Gori (pianoforte), Giovanni Loi (voce recitante) – 12-06-2018 ore 20:30

I Concerti del Boito: Connessioni. Adriana Cicogna (mezzosoprano), Leonardo Bartali (viola), Claudia Gori (pianoforte), Giovanni Loi (voce recitante) – 12-06-2018 ore 20:30

 

 

 

I Concerti del Boito

Connessioni.

Poesia e atmosfere esotiche nella musica di Debussy

Martedì 12 Giugno 2018, ore 20.30

– Auditorium del Carmine –

Ingresso libero

 

Adriana Cicogna, mezzosoprano

Leonardo Bartali, viola

Claudia Gori, pianoforte

Giovanni Loi, voce recitante

 

 

 

Claude Debussy (Saint-Germain-en Laye, 1862 -- Parigi, 1918)

Dal Primo Libro di Preludi

“Les sons et les parfums tournent dans l’air du soir” per pianoforte

 

Poesia “Corrispondenze” di Charles Baudelaire

 

Claude Debussy

“Le Son du Cor s’afflige vers les Bois” (testo di Paul Verlaine) per mezzosoprano e pianoforte

 

Poesia “Harmonie du Soir” di Charles Baudelaire

 

Claude Debussy

Dai Cinq Poèmes de Charles Baudelaire

“Harmonie du Soir” per viola e pianoforte

 

Première Arabesque per pianoforte

 

Poesia “La Cloche felée” di Charles Baudelaire

 

Charles Martin Loeffller (Mulhouse, 1861 – Medfield, 1935)

Dai 4 Poèmes op.5

“La Cloche felée” per mezzosoprano, viola e pianoforte

 

“Minstrels” (Musica sognata) di Eugenio Montale da Debussy

 

Claude Debussy

Dal Primo Libro di Preludi

“Minstrels” per viola e pianoforte

 

Poesie da Chansons de Bilitis di Pierre Louys

 

Claude Debussy

Trois Chansons de Bilitis

“La flute de Pan”

“La Chevelure”

“Le tombeau des Naiades”

per mezzosoprano e pianoforte

 

Poesia “la Mort des Amants” di Charles Baudelaire

 

Claude Debussy

Dai Cinq Poèmes de Baudelaire

“La Mort des Amants” per viola e pianoforte

 

Poesia “Le Son du Cor s’afflige vers les Bois” di Paul Verlaine

 

Charles Martin Loeffller

Dai 4 Poèmes op.5

“Le Son du Cor s’afflige vers les Bois” per mezzosoprano, viola e pianoforte

 

Lettura influssi dall’Oriente

 

Claude Debussy

Da Estampes

“Pagodes” per pianoforte

 

Lettura lettere

 

Claude Debussy

Dal Primo Libro di Preludi

“Des pas sur la neige” per viola epianoforte

 

Poesia “Sérénade” di Paul Verlaine

 

Charles Martin Loeffller

Dai 4 poémes op.5

“Sérénade” per mezzosoprano, viola e pianoforte

 

 

Adriana Cicogna ha studiato arpa e pianoforte e si è diplomata a pieni voti in Canto presso il Conservatorio “C. Pollini” di Padova, sotto la guida di A.Rognoni, perfezionandosi in seguito con E. Campogalliani, G. Cigna, L. Alva, I. Adami Corradetti. E' stata finalista al Concorso Radiofonico RAI nel 1979, e al Concorso “Maria Callas” nel 1983 segnalandosi all'attenzione della critica e del pubblico. La voce duttile e le notevoli competenze maturate le hanno consentito di spaziare nei più disparati repertori, eccellendo nei ruoli di coloratura dal Barocco al Bel Canto, fino alla musica romantica e a quella del Novecento. Il suo debutto è avvenuto nel 1983 al Teatro Comunale di Modena, ora “Pavarotti”, nell' Italiana in Algeri di G. Rossini sotto la bacchetta di B. Campanella. Ha cantato ruoli protagonistici in diversi teatri italiani e stranieri, tra i quali La Scala di Milano, La Fenice di Venezia, l'Arena di Verona, il San Carlo di Napoli, il Regio di Torino, il Massimo di Palermo, il Comunale di Bologna, il Petruzzelli di Bari, l'Opera di Roma, e poi ancora al Festival Puccini di Torre del Lago, al Maggio Musicale Fiorentino, al Rossini Opera Festival, al Ravenna Festival, all'Opera Nazionale di Atene, nei teatri di Tel Aviv, Basilea, Colonia, Mannheim, Bilbao, all'Opera di Tenerife, all'Opera di Amsterdam e di Bordeaux, al Teatro Manoel de la Valletta, solo per citarne alcuni. Ha interpretato, tra l'altro, opere di Rossini, Monteverdi, Pergolesi, Cimarosa, Mozart, Bellini, Donizetti, Verdi, Bizet, Gounod, Massenet, Puccini, Zandonai, Menotti, Berio. Nel 1995 ha ricevuto il prestigioso “Premio Speciale Puccini” al Festival di Torre del Lago Puccini quale miglior interprete del ruolo di Suzuki in Madama Butterfly. Ha collaborato con importanti direttori d'orchestra tra i quali Z. Metha, R. Abbado, D. Renzetti, Z. Pesko, F. Luisi, e con famosi registi come M. Monicelli, A. Lattuada, P. L. Pizzi, J. P. Ponnelle, M. Bolognini, P. Faggioni, W. Herzog. Ha effettuato diverse registrazioni radiofoniche e televisive per la Rai e per la Radio/Televisione Svizzera, e ha inciso opere liriche, musica sacra e musica da camera di vari compositori per Opera Rara/Londra, Bongiovanni, Nuova Era ed altre etichette discografiche. Viene invitata regolarmente a tenere Master Classes di Canto in Italia e all'estero. E' docente di Canto presso il Conservatorio “A. Boito” di Parma.

 

Leonardo Bartali ha studiato alla Scuola di Musica di Fiesole sotto la guida dei Maestri Piero Farulli e Fabrizio Merlini. Ha frequentato i corsi di Quartetto del Maestro Piero Farulli all'Accademia Chigiana di Siena e del Maestro Dino Asciolla all'Accademia di Città di Castello. Ha frequentato inoltre le lezioni del Maestro Milan Skampa e del Maestro Augusto Vismara, col cui ha conseguito il Diploma Accademico di II Livello. Leonardo Bartali è stato il fondatore del Quartetto Elisa che si è formato alla scuola di Franco Rossi, seguendo i suoi corsi a Venezia, Città di Castello e Sesto Fiorentino, ed ha avuto ulteriori maestri in Rudolf Barshai, Norbert Brainin e Salvatore Accardo. Il quartetto ha ottenuto la Borsa di Studio “Franco Rossi”, la Menzione Speciale al III Premio Paolo Borciani, il I Premio Assoluto al X Concorso Internazionale “Provincia di Caltanissetta”, il II Premio Assoluto al XVII Concorso Nazionale “F. Cilea” di Palmi, il Diploma di Merito al XIII Concorso Internazionale di Musica da Camera di Trapani, la selezione per il VII Concorso Internazionale per Quartetto d’archi presso il Banff Centre of Fine Arts in Alberta (Canada). Fra le Società che hanno ospitato il Quartetto Elisa vi sono il Teatro Comunale di Firenze, gli Amici della Musica di Firenze e Perugia, la Società del Quartetto di Vercelli, il Teatro dei Filodrammatici di Milano, la G.O.G. di Genova, l’Associazione Filarmonica Umbra, il Festival delle Nazioni di Città di Castello. Il Quartetto Elisa ha inciso per le case discografiche Frame, Antes Concerto e Dynamic, con ottime recensioni su Amadeus, CD Classica e Strad. Leonardo Bartali suona in molte orchestre italiane, come prima viola e come solista, molto attivo anche con gruppi da camera e nel repertorio contemporaneo. E’ docente di Musica da Camera presso il Conservatorio Arrigo Boito di Parma.

 

Claudia Gori si è diplomata in Pianoforte, Clavicembalo, Organo e Composizione Organistica presso il Conservatorio “Luigi Cherubini” di Firenze, dove ha conseguito anche il Diploma di II livello in Discipline Musicali: Pianoforte Solista, e in Musica Corale e Direzione di Coro presso il Conservatorio “Girolamo Frescobaldi” di Ferrara. Sempre a Firenze ha conseguito la maturità in lingue straniere: inglese, francese, tedesco. Ha seguito corsi di interpretazione musicale tenuti dai Maestri Rosalyn Tureck e Joerg Demus , corsi di accompagnamento pianistico di opera lirica tenuti dai Maestri Andrea Severi del Maggio Musicale Fiorentino e Roberto Rizzi Brignoli della Scala di Milano e il Corso di Interpretazione Organistica sulla letteratura inglese tra Cinque e Seicento tenuto dal M° Christopher Stembridge a Firenze. Diplomata in Direzione di Opera Lirica presso l’Accademia Filarmonica di Bologna si è poi perfezionata in direzione d’orchestra con i Maestri Piero Bellugi e Marco Balderi e in direzione di coro presso il Kodaly Institute di Kecskemét (Ungheria). Nel Dicembre 2001 ha vinto una borsa di studio per Direttori d’Orchestra, denominata “Bacchette in Rosa” indetta dal Ministero delle Pari Opportunità, i cui corsi sono stati tenuti dai Maestri Piero Bellugi , Bruno Bartoletti e Nir Kabaretti con la collaborazione dei Teatri: Comunale di Firenze, Comunale di Bologna, Orchestra Regionale Toscana, Teatro del Giglio di Lucca. Ha conseguito l’idoneità al Concorso a Cattedre nei Conservatori per il posto di Accompagnatore al pianoforte e l’idoneità come Maestro di Sala e Palcoscenico presso l’Ente Arena di Verona. Vincitrice del 3° premio ai Concorsi Internazionali di Musica da Camera “Premio Acqui Musica” (1995) e “Villa Medicea” (Prato,1997). Svolge un’intensa attività concertistica sia come solista che in musica da camera. Dal 2002 al 2013 ha collaborato come Maestro di Sala e Palcoscenico con l’Opera Festival di Firenze. Ha all’attivo collaborazioni come pianista e clavicembalista con il Teatro Niccolini di Firenze, con il Centro Busoni di Empoli e con l’Associazione Gavazzeni-Mayr di Bergamo presso il Teatro Donizetti, con l’Orchestra dell’Accademia dei Leggieri di San Gimignano, l’Associazione “Florence Symphonietta”di Firenze, l’Orchestra da Camera Fiorentina, l’Ensemble “I Solisti di Firenze ”e con “I Cameristi del Maggio Musicale Fiorentino”. Vanta collaborazioni con prestigiosi musicisti fra cui Milan Turkovic dell’Ensemle Wien-Berlin , Fabrizio Meloni primo clarinetto dell’Orchestra della Scala di Milano, Claudio Desderi e con Direttori di fama internazionale, quali Norbert Balatsch, Carlo Boccadoro, Vladimir Ashkenazy, Antonio Pappano, Placido Domingo. Collabora con l’Accademia Nazionale di Santa Cecilia di Roma, svolgendo attività di Maestro di Sala e Palcoscenico, nonché producendosi in concerti di musica da camera e lezioni-concerto per il Settore Education e con il Maggio Musicale Fiorentino come Maestro di Sala e Palcoscenico. Negli ultimi anni si occupa della divulgazione dell’Opera Lirica collaborando in progetti didattici con il Maggio Musicale Fiorentino, con l’Orchestra Regionale Toscana, con Rete Musica Toscana, con il Teatro Regio di Parma e con il Conservatorio di Musica di Parma, dove è docente di Accompagnamento Pianistico.

 

Giovanni Loi è nato a Colle di val d’Elsa, e vive e lavora a Roma. Nel 2011 si diploma con il massimo dei voti presso la Scuola di Recitazione “RIBALTE” di Enzo Garinei a Roma, dove segue un corso biennale di dizione con Ughetta Lanari e il Corso di doppiaggio di Vittoria Febbi presso il C.T.A. Nel 2013 si diploma presso l’Accademia d’arte drammatica “PIETRO SCHAROFF” a Roma e inizia a studiare il Metodo Stanislavskij con Danny Lemmo attore e regista, membro a vita dell’ACTOR'S STUDIO di New York. Segue il Corso di recitazione “THE ACTOR’S WORK” diretto da Danny Lemmo fino al 2017, perfezionando le tecniche di recitazione secondo il Metodo Stanislavskij. Fra gli svariati ruoli interpretati in teatro spiccano: Rugantino nell’omonima commedia di Garinei e Giovannini, Zio Vanja nell’omonimo romanzo di Cecov, Kosta in “Il Gabbiano” di Cecov, Jerry in “Zoo Story” di Edward Albee, Attilio nella Commedia “Il Signore a rotelle” di Attilio Spaccarelli, Riccardo III di Shakespeare diretto da Danny Lemmo. Avendo una forte passione per la musica, nel 2016 tiene a Pietrasanta un’intera stagione dal titolo “Musica, Opera e Teatro” producendosi in spettacoli in cui recita letture di grandi autori quali Dante, Petrarca, Neruda, Dumas, Proust, D’Annunzio con accompagnamento al pianoforte, violino e canto lirico, collaborando con musicisti professionisti provenienti da Italia, Giappone, Korea, Francia.