I Concerti del Boito: Compositori vicini e lontani a Debussy. Raffaele D’Aniello e Giampaolo Nuti, pianoforti – 10-04-2018 ore 20:30

I Concerti del Boito: Compositori vicini e lontani a Debussy. Raffaele D’Aniello e Giampaolo Nuti, pianoforti – 10-04-2018 ore 20:30

 

 

 

I Concerti del Boito

Compositori vicini e lontani

a Debussy

La musica in Francia tra charme ed ironia

Raffaele D’Aniello - Giampaolo Nuti

duo pianistico

Martedì 10 aprile 2018, ore 20,30

– Auditorium del Carmine –

Ingresso libero

 

 

 

CAMILLE SAINT-SAENS

Caprice Arabe op.96

 

FLORENT SCHMITT

Rhapsodie Parisienne

 

FRANCIS POULENC

Sonata

Prologue

Allegro molto

Andante Lyrico

Epilogue

 

JEAN FRANÇAIX

da Quinze portraits de jeunes filles d’Auguste Renoir

Le bebe a la cuiller

Jeune bretonne

Fillette lisant

Les deux sœurs

Fillette au chapeau bleu

Fillette a la gerbe

La petite pêcheuse

Au piano

Les enfants de M.me Charpentier

Le petit collégien

 

GERMAINE TAILLEFERRE

Jeux de Plein Air

La Tirelitentaine

Cache-cache mitoula

 

MAURICE RAVEL

La Valse

 

 

Raffaele D’Aniello si è diplomato in pianoforte presso il Conservatorio “O. Respighi” di Latina conseguendo il massimo dei voti e la lode sotto la guida del M° Elisabetta Capurso, con la quale si è anche perfezionato sulla musica moderna e contemporanea presso l’Accademia Musicale Pescarese. Ha inoltre conseguito il diploma in composizione presso il Conservatorio “S. Cecilia” di Roma sotto la guida del M° Massimo Gianfreda e la Laurea in Lettere e Filosofia con lode presso l’Università di Parma. Successivamente ha studiato a Vienna con Hans Graf e inoltre con Aldo Ciccolini, Boris Petruschanskij, Lya De Barberiis e Franco Scala. Da anni svolge un’intensa attività concertistica sia come solista che come componente di vari gruppi cameristici, I Fiati di Parma, con i quali ha inciso per la Edipan, la flautista Claudia Giottoli, il violoncellista Luca Paccagnella, prediligendo la produzione musicale del Novecento. In Italia ha suonato per importanti associazioni come Regia Accademia Filarmonica di Bologna, Amici della Musica di Caltanissetta e Gela, Amici della Musica di San Severo, Conservatorio di S. Cecilia a Roma, Lyceum Club di Catania, Camerata Barese, XIX Festival Internazionale di Mezza Estate di Tagliacozzo, Nuova Consonanza a Roma, Il Coretto di Bari, Centro Culturale di Teatro e Studio “Lorenzo Calogero” di Reggio Calabria, Accademia Musicale Pescarese, A.M.A Calabria, Università di Perugia, C.A.M.S. Università di Cosenza, XXVIII Festival Nuovi Spazi Musicali, Taormina Classica, Ravello Concert society, Collegium pro musica di Genova, Fondazione “ Donne in Musica” associazione centro artistico musicale Caelium e teatro della Calce, Amici Festival delle Nazioni, città di Castello, Umbria Classica, associazione "Felice Romani", nella rassegna cameristica Allegro con brio della fondazione teatri Piacenza, etc… All’estero ha suonato a Vienna, in Svizzera, Polonia Turchia, e nelle principali città dell’Argentina, al XVIII Festival de La Habana di mùsica contemporanea, dove ha tenuto diverse Master Classes ed in Germania sia come solista che in duo pianoforte ed organo, con Claudio Brizi, ottenendo consensi entusiasti di pubblico e di critica. Ha tenuto masterclass alla Hochschule für Musik di Mannheim partecipando all’ Heidelberger Kammermusikfestival con il violoncellista Luca Paccagnella, all'Akademia Muziczna Imienia Karola Lipinskiego – Wroclaw, alla Städtische Sing-und Musikschule di Monaco di Baviera, al Conservatorio L. Canepa di Sassari e da diversi anni svolge i corsi musicali- internazionali estivi per l’associazione Umbria Classica. Numerose le esecuzioni in prima assoluta di partiture contemporanee con una particolare attenzione alla produzione musicale di compositrici italiane e straniere. Ha registrato per Stradivarius, Brilliant, Radio Vaticana, Edipan, Accord for music e per lo studio Trco di Buenos Aires. È titolare di una cattedra di pianoforte principale presso il Conservatorio Arrigo Boito di Parma.

 

Giampaolo Nuti è nato a Firenze, dove ha compiuto gli studi pianistici sotto la guida di Antonio Bacchelli; successivamente ha studiato con Franco Scala ad Imola ed ha seguito corsi di perfezionamento in Italia e all’estero, sia di pianoforte che di musica da camera. Ha compiuto inoltre studi di clavicembalo - diplomandosi col massimo dei voti e lode - musica elettronica e direzione d’orchestra. Vincitore di numerosi concorsi pianistici nazionali, ha tenuto concerti in Austria, Germania, Irlanda, Francia, Spagna, Svezia, Slovenia, Stati Uniti, Canada, Kenya, Perù, Colombia e Messico, nonché nei maggiori centri italiani, dove suona regolarmente in importanti stagioni e festival concertistici (per citarne solo alcuni, Amici della Musica di Palermo, “Luigi Barbara” di Pescara, “Barattelli” dell'Aquila, La Verdi di Milano, Concerti del Quirinale, i Festival di Ravello, Pontino, e Nuova Musica di Macerata, Milano Musica) sia come pianista che come cembalista. Ha eseguito concerti di Bach, Haydn, Mozart, Beethoven e Liszt con l’Orchestra da Camera Fiorentina, Chopin con la Filarmonica Marchigiana e la Giovanile di Genova, Alkan con la Camerata Marciana e Ciaikovsky con la Sinfonica di Lecce, nonché il Secondo concerto di Shostakovich con la NRO al Festival di Breckenridge, Colorado, e con la OFUNAM a Città del Messico, in diretta televisiva; ha suonato inoltre il KV 466 di Mozart a Vienna ed il Concerto di Schnittke per il Festival di Fermo.  Ha recentemente preso parte al prestigioso Tuscan Sun Festival al Teatro della Pergola di Firenze, sostituendo Valentina Lisitsa nel Primo Concerto di Shostakovich con poche ore di preavviso. La sua discografia, per Stradivarius, Decca e Brilliant, comprende alcune importanti integrali, recensite e premiate dalle riviste specializzate europee: A. Schnittke per pianoforte solo e, col violinista Francesco D’Orazio, Schnittke, Busoni, Ravel, Rota e Berio, nonché le Sonate di Franck, Fauré e Lalo su strumenti originali. Nel 2010, centenario della nascita di Samuel Barber, Stradivarius ha pubblicato la sua esecuzione del Concerto per pianoforte, con Daniel Kawka e l’Orchestra Sinfonica Nazionale della RAI, disco accolto con grande attenzione dalla critica specializzata, prima incisione europea; mentre l'ultimo cd, ancora per Stradivarius e dedicato alla produzione pianistica di Barber, comprende molte prime incisioni assolute. È  stato vincitore dei concorsi a cattedra nei Conservatori di Musica sia di Pianoforte Complementare che di Pianoforte Principale, classificandosi al primo e al quarto posto delle rispettive graduatorie nazionali ed è attualmente docente di pianoforte al Conservatorio “A. Boito” di Parma. Tiene regolarmente masterclass e corsi annuali per varie associazioni ed accademie italiane; è stato docente per la Showa University di Tokyo, la Escuela Nacional de Musica di Città del Messico, il Conservatorio Superior de Vigo, Spagna, il Conservatorio Nacional de Musica de Bogotà, la Yasar Universiti di Smirne e la prestigiosa Accademia Gnessin di Mosca. Viene regolarmente invitato a far parte delle giurie di concorsi pianistici nazionali e internazionali. Il suo eclettico repertorio solistico riserva una particolare attenzione per le trascrizioni d’autore, il contemporaneo e le composizioni meno eseguite – come nei concerti monografici dedicati ad Alkan, a Shostakovich o alla musica nordamericana – anche attraverso formule concertistiche innovative, volte a stabilire un rapporto più immediato e coinvolgente con il pubblico.