Diplomata in pianoforte didattico e in canto artistico presso il Conservatorio di Milano con il massimo dei voti, Maria Cristina Mazzavillani è, dal 1989, Presidente del Ravenna Festival.
Nell’ambito del Festival si è fatta promotrice del progetto “Le vie dell’amicizia” che dal 1997 vedono la città e il suo Festival ripercorrere idealmente le antiche rotte di Bisanzio, crocevia di popoli e culture, gettando “ponti” di amicizia verso città simbolo come Sarajevo, Beirut, Gerusalemme, Mosca, Erevan, Istanbul, New York Ground Zero, Il Cairo, Damasco, El Djem e Meknes, riaffermando e rinnovando il ruolo dell’antica città dei mosaici da sempre rivolta all’Oriente del mondo.
Attiva anche nel campo della regia, ha al suo attivo la regia di opere quali  “ORFEO” di Monteverdi (1995), “I CAPULETI E I MONTECCHI” (2001), IL TROVATORE (2003), “PIETRA DI DIASPRO” di Adriano Guarnieri (2007),  LA TRAVIATA (2008),  TENEBRAE di Adriano Guarnieri (2010).

Nel 2005 il Presidente della Repubblica Italiana le ha conferito l’onorificenza di Grand’Ufficiale al merito della Repubblica Italiana per il suo impegno in ambito culturale.