Prof. Marco Capra
Università degli studi di Parma
Dipartimento D.U.S.I.C. – Unità Arte, Musica e Spettacolo

Si è laureato con lode in Materie Letterarie all’Università di Parma con il prof. Gian Paolo Minardi, discutendo una tesi sull’attività impresariale e sui periodici musicali della Casa editrice Sonzogno.
La tesi è stata pubblicata nel 1995 dalla stessa casa editrice. Dal 1985 lavora al Centro Internazionale di Ricerca sui Periodici Musicali (CIRPeM) di Parma, prima in qualità di archivista e ricercatore, poi di Direttore scientifico dal 2001 al 2016. Dal 1989 al 2002 ha collaborato con il Répertoire International de la Presse Musicale (RIPM) in qualità di autore e di co-editor dei volumi dedicati a periodici italiani. Dal 2000 al 2003 è stato membro del Direttivo nazionale della Società Italiana di Musicologia in qualità di responsabile del “Coordinamento generale delle attività editoriali”. Nel 2002 è risultato vincitore del concorso per professore associato del settore scientifico-disciplinare “Storia della
musica e Musicologia”. Attualmente è titolare degli insegnamenti di “Storia della musica moderna
e contemporanea” e di “Storia della produzione musicale” presso l’Università degli studi di Parma.
Nel 2002, nell’ambito della Casa della Musica di Parma, ha collaborato alla stesura del progetto e
poi diretto la realizzazione del museo multimediale “L’opera in scena. Viaggio nel teatro musicale a
Parma”. Dal gennaio 2005 al luglio 2015 è stato Presidente e responsabile scientifico della Casa della
Musica, Istituzione del Comune di Parma. Dal 2005 al 2007 è responsabile della unità di ricerca di
Parma nell’ambito del Progetto di rilevante interesse nazionale (PRIN 2005): “Banca dati della critica
musicale in Italia: 1900-1950”. Nel 2007 è curatore scientifico del Convegno Internazionale di studi
“Arturo Toscanini e la direzione d’orchestra del suo tempo” (Parma, 4-6 maggio 2007). Nel 2007 è
responsabile del progetto di ricerca del Ministero Beni Culturali e della Istituzione Casa della Musica
sulla “Fortuna critica di Arturo Toscanini”. Nel 2008 cura dal punto di vista scientifico la
realizzazione della “Casa del Suono”, struttura di ricerca ed esposizione museale dedicata alla storia
e alla evoluzione del rapporto tra musica e tecnologia, con particolare riferimento alle tecniche di
registrazione e trasmissione del suono.
Le sue pubblicazioni riguardano soprattutto argomenti di storia materiale (istituzioni, sistema
informativo e critica musicale, produzione teatrale) e di ricezione della musica italiana dal XVIII al
XX secolo. In particolare, si segnalano i contributi dedicati alla nascita e all’evoluzione della critica
e della stampa musicale italiana, alle associazioni musicali ottocentesche, alla figura di Arturo
Toscanini, a particolari aspetti dell’opera di Giuseppe Verdi (L’illuminazione sulla scena verdiana
ovvero “L’arco voltaico non acceca la luna?”, in La realizzazione scenica dello spettacolo verdiano,
1997; “Effekt, nicht als Effekt”. Aspekte der Rezeption der Opern Verdis im Italien des 19.
Jahrhunderts, in Giuseppe Verdi und seine Zeit, 2001; ‘Verdi e la critica musicale di estrazione
letteraria: il caso di Carlo Collodi’, in ‘Verdi 2001’, 2003; ‘Verdi in prima pagina. Nascita, sviluppo e
affermazione della figura di Verdi nella stampa italiana dal XIX al XXI secolo’, 2014).