Concerto dell’Orchestra del Conservatorio “Lucio Campiani” di Mantova – 16-09-2019 ore 20:30

Concerto dell’Orchestra del Conservatorio “Lucio Campiani” di Mantova – 16-09-2019 ore 20:30

 

 

 

Concerto

dell'Orchestra del Conservatorio

"Lucio Campiani" di Mantova

In collaborazione con

Conservatorio di Musica "Arrigo Boito" di Parma

Lunedì 16 settembre 2019, ore 20.30

– Auditorium del Carmine –

Ingresso libero

 

Carla Delfrate - direttore

Paolo Ghidoni - violino

 

 

 

JOHANNES BRAHMS (1833 - 1897)
Serenata n. 2 in la maggiore op. 16 per piccola orchestra

 

PAUL HINDEMITH (1895 - 1963)
Kammermusik n. 4 per violino e orchestra da camera op. 36 n. 3

 

 

Carla Delfrate, nata a Parma si è diplomata in oboe e direzione d'orchestra al Conservatorio "A. Boito" della sua città sotto la guida dei maestri Piero Guarino e Daniele Gatti. Nel 1987 ha fondato l'orchestra da camera "Il Divertimento Musicale" con la quale ha diretto numerosi concerti anche con strumenti solisti in diverse città italiane. Nel 1992 è stata nominata direttore stabile dell'Orchestra Femminile Europea esibendosi in sedi prestigiose quali i Conservatori di Milano e Torino e partecipando a concerti televisivi sulle reti Rai e Mediaset. Dopo aver lavorato diversi anni come maestro sostituto al Teatro Regio di Parma, ha debuttato nella direzione dell'opera lirica dirigendo diversi titoli dell'opera italiana: Orfeo ed Euridice di Gluck al Teatro di Documenti di Roma con la regia di Luciano Damiani; Il barbiere di Siviglia di Paisiello al Wexford Festival Opera; Andrea Chénier di Giordano; Tosca di Puccini; La forza del destino, Attila, Un ballo in maschera di Verdi al Teatro Magnani di Fidenza; Luisa Miller e Rigoletto al Teatro Verdi di Busseto. Dal 1998 al 2000 è stata assistente musicale della Fondazione "Arturo Toscanini" di Parma, sede dell'omonima orchestra, con la quale ha diretto numerosissimi programmi sinfonici e lirici tra cui due edizioni del Concorso Voci Verdiane di Busseto. È docente di ruolo del Corso di Esercitazioni Orchestrali presso il Conservatorio di Mantova, dove è giunta dopo aver insegnato anche nei Conservatori di Adria, Cagliari, Bologna, Parma, Milano e Frosinone. Ha diretto inoltre nei seguenti teatri: Carlo Felice di Genova, Teatro Regio di Parma, Teatro Lirico di Cagliari, Teatro Goldoni di Firenze, Auditorium "G. Agnelli" del Lingotto di Torino, Sala Verdi del Conservatorio di Milano, Auditorium Paganini di Parma, Teatro Municipale di Piacenza, Teatro Civico di Vercelli, Teatro Bonci di Cesena, Teatro Bibiena di Mantova, Auditorium dell'Orchestra Nazionale di Lione. Esistono sue incisioni discografiche relative a: Concerto dedicato a compositrici (B. Giuranna, M. Martinez, F. Mendelsshon) con l'Orchestra Femminile Europea; Concerto al Lingotto di Torino con musiche di Caikovskij; Attila di Verdi (con Michele Pertusi), Arie d'opera francese con Sonia Ganassi. Ha inoltre diretto l'Orchestra del Teatro Regio di Parma, l'Orchestra Sinfonica Giovanile del Piemonte, l'Orchestra Sinfonica dell'Emilia Romagma Arturo Toscanini, l'Orchestra Filarmonica Italiana, l'Orchestra Sinfonica di Sanremo, l'Orchestra Sinfonica della Provincia di Bari, l'Orquesta National de Cujo (Mendoza, Argentina), la National Symphony Orchestra (Irlanda). Nel 2011 ha diretto al Teatro delle Muse di Ancona il concerto recital di Sonia Ganassi, VII edizione del Premio Corelli e, nel 2012 il concerto per la celebrazione del decennale della ricostruzione del teatro con l'Orchestra Filarmonica Marchigiana e le cantanti Jessica Pratt, Dimitra Theodossiou e Carmela Remigio. Ha collaborato, tra gli altri, coi solisti: Robeto Cappello, Anna Tifu, Bin Huang, Luisa Prandina. Ha ricoperto il ruolo di Segretario Artistico al Teatro Carlo Felice di Genova e al Teatro delle Muse di Ancona. Dal 2005 riveste lo stesso incarico presso la Fondazione Orchestra Giovanile "Luigi Cherubini" diretta da Riccardo Muti. Nel gennaio 2013 ha inaugurato la stagione lirica del Teatro delle Muse di Ancona dirigendo L'enfant prodigue di Debussy e Cavalleria Rusticana di Mascagni.

 

Paolo Ghidoni, nato a Mantova nel 1964, si diploma a 17 anni con il massimo dei voti presso il Conservatorio della sua città sotto la guida del M° Ferruccio Sangiorgi. Ha partecipato per tre anni ai corsi di qualificazione professionale per orchestra presso la Scuola di Musica di Fiesole, si è perfezionato in violino presso l'Accademia Chigiana con Franco Gulli, ottenendo più volte il diploma di merito, e in musica da camera con il Trio di Trieste sia a Fiesole che all'Accademia Chigiana di Siena. Ha inoltre studiato con Franco Claudio Ferrari a Mantova, con Salvatore Accardo a Cremona, con Corrado Romano presso il conservatorio di Ginevra e con Ivri Gitlis all'Accademia di Sion (Svizzera). Vince numerosi premi, tra cui il premio "Vittorio Gui" a Firenze nel 1983 con il "Trio Matisse" con cui per più di venticinque anni ha svolto attività concertistica in tutto il mondo. Sempre nel 1983 ha vinto i concorsi per violino e musica da camera di Stresa e di Cesena; ha vinto il secondo premio al concorso internazionale Michelangelo Abbado a Sondrio; nel 1994 vince il premio Casella a Roma e il secondo premio al concorso Brahms a Postfäch (Austria). Nel 1998, su indicazione del grande compositore Georghi Kurtag, viene chiamato per ricoprire il ruolo di primo violino nel "Quartetto Orlando"di Amsterdam. È stato per quindici anni primo violino solista e concertatore dei "Virtuosi Italiani", ha collaborato come sparring partner come solista e in formazioni cameristiche con artisti del calibro di Dino Sciolla, Mario Brunello, Enrico Dindo, Giuliano Carmignola, Franco Maggio Ormezzoschi, Bruno Canino, Franco Petracchi, Hermann Baumann, Ifor James, Danilo Rossi. Con Enrico Dindo ha eseguito a Zagabria il doppio di Brahms con l'Orchestra sinfonica dell'omonima città e registrato dalla radio di Zagabria. È primo violino e leader del "Quartetto dell'Accademia virgiliana" di Mantova e cofondatore con il violoncellista Piero Bosna e il pianista Cristiano Burato del "Trio di Mantova"; collabora come prima parte e solista con varie realtà importanti tra cui l'Orchestra da Camera di Padova e del Veneto. Ha al suo attivo più di 1500 concerti e tournée in tutto il mondo (Europa, Stati Uniti, Australia, Oriente). Recentemente, come componente di "Ensemble.It", ha compiuto una tournée di concerti in Sud America toccando le capitali più importanti e come componente del "Trio Matisse" ha compiuto una significativa tournèe in Cina. Ha inciso per Bongiovanni, Hermitage e per la rivista "Amadeus". Suona su un violino costruito da Luigi Lanaro (1991), su uno costruito da Stefano Trabucchi (2006) e in particolare suona un violino con etichetta "Santa Giuliana" e un arco "Sartori", questi ultimi appartenuti al grande violinista Franco Claudio Ferrari, gentilmente concessi dal Conservatorio "L. Campiani" di Mantova. Possiede inoltre un violino "Pedrazzini" (1936). È titolare della cattedra di musica da camera presso il Conservatorio di Musica di Mantova.