Cadenze per i concerti per pianoforte e orchestra di Mozart. Seminario-Laboratorio a cura di Orazio Sciortino – Dal 23 marzo al 18 maggio 2019

Cadenze per i concerti per pianoforte e orchestra di Mozart. Seminario-Laboratorio a cura di Orazio Sciortino – Dal 23 marzo al 18 maggio 2019

 

 

Cadenze per i

Concerti per pianoforte e orchestra

di Mozart

Seminario-Laboratorio a cura di Orazio Sciortino

Rivolto agli studenti delle classi di pianoforte e composizione

dei corsi accademici

23 marzo, 6 aprile, 4 e 18 maggio 2019

Parma, Conservatorio “Arrigo Boito”

Regolamento per le iscrizioni alle Masterclass del Boito

 

 

Calendario:

- Sabato 23 marzo 2019 dalle 10:00 alle 13:00, Sala Merulo del Conservatorio “A. Boito”;

- Sabato 6 aprile 2019 dalle 10:00 alle 13:00, Sala Verdi del Conservatorio “A. Boito”;

- Sabato 4 maggio 2019 dalle 10:00 alle 13:00, Sala Merulo del Conservatorio “A. Boito”;

- Sabato 18 maggio 2019 dalle 10:00 alle 13:00, Sala Merulo del Conservatorio “A. Boito”;

 

Descrizione:

Sembra un paradosso. In una delle forme più perfette del classicismo, il concerto, è lasciato al caso, all’improvvisazione del momento, quel che dovrebbe essere invece il suo baricentro strutturale, la sua climax drammatica: la cadenza conclusiva del primo movimento (e talora anche degli altri). La prassi, nata in un periodo in cui l’improvvisazione era pane quotidiano, dimostrazione di musicalità e di professionalità, e si esprimeva nello stesso linguaggio del concerto stesso, è rimasta - come prassi - fino ad oggi ma ha perso via via l’aderenza a quel linguaggio, adottando invece di volta in volta lo stile musicale delle varie epoche. Mozart, il maggior compositore di concerti del periodo classico, ci ha lasciato molte cadenze di sua stessa mano, che dovrebbero servire come modello per l’improvvisazione o la composizione di cadenze; sempre che si accetti, cosa peraltro ormai fuori discussione, l’idea che tra il concerto e le sue cadenze vi sia identità stilistica. 

Naturalmente non basta scrivere (o suonare) in uno stile mozartiano plausibile: la cadenza deve essere fantasiosa, originale, un’opera d’arte in sé. Orazio Sciortino, autore di Cadenze per i Concerti per pianoforte e orchestra di W.A.Mozart (Ricordi 2007), tiene un seminario volto ad approfondire i seguenti aspetti:

- Improvvisazione e retorica del “gesto”

- Dal gesto pensato al gesto scritto

- I Concerti per pianoforte e orchestra di Mozart: il teatro per strumento e orchestra

- Le Cadenze di Mozart. Saggi di improvvisazione scritta?

- Analisi ed esecuzione di Cadenze scritte da Hummel, Beethoven, Clara Schumann, Brahms, Britten, Schnittke sino a quelle composte da pianisti come Geza Anda, Schnabel, Magaloff etc…

- Gli studenti saranno coinvolti nella composizione di una Cadenza

 

 

Orazio Sciortino, pianista e compositore, collabora con importanti istituzioni musicali italiane ed estere: Teatro alla Scala di Milano, MiTo Settembremusica, Orchestra Verdi di Milano, Orchestra del Teatro La Fenice, Bologna Festival, IUC di Roma, Ravello Festival, Orchestra Haydn di Bolzano e Trento, Orchestra Sinfonica Nazionale della RAI, Accademia Filarmonica di Verona, Maggio Musicale Fiorentino, I Pomeriggi Musicali, Sagra Malatestiana di Rimini, Amici della musica di Perugia, Società del Quartetto di Milano, Festival di Ankara, Konzerthaus di Berlino, Salle Molière di Lyon, Ottawa Chamber Music Festival, Sala Cecilia Meireles di Rio De Janeiro etc..Ha registrato per Rai Tre, Radio Tre, Radio Classica, Radio Svizzera Italiana e per le case discografiche Dynamic, Bottega Discantica, Limen Music e Sony Classical. Si occupa anche di divulgazione, rapporti tra la musica, le arti visive e le neuroscienze. Nel 2016, in collaborazione con il CERN di Ginevra e la Fondazione Agalma, è stato invitato a tenere un TED Talk, per il TEDxCERN 2016, sull’esperienza dell’ascolto e l’attività neuronale. Per il teatro musicale ha scritto l’opera “La Paura”, opera sulla Grande Guerra (commissione Teatro Coccia di Novara), l’opera breve l’opera breve MeetHer, su libretto e soggetto proprio (commissione Fondazione Spinola Banna). Recente è il successo de La Gattomachia, fiaba musicale per narratore, violino concertante e archi, eseguita al Teatro alla Scala di Milano per la stagione 2016/2017. E’ stato nominato Krug Ambassador. La prestigiosa maison di champagne, per la prima volta nella sua storia, chiede ad un compositore di comporre un brano interamente dedicato a Krug. Nasce così il pezzo pianistico Lives through a glass che Orazio Sciortino ha composto dedicato a Krug Grande Cuvée ed incluso nell’album Self Portrait, con sue composizioni pianistiche, recentemente pubblicato da Sony Classical. Recente è inoltre CD di sue musiche cameristiche inciso dall’Ambra Piano Trio e dal Swiss New Wave Ensemble per l’etichetta Claves.

 

 

Per informazioni e iscrizioni:

Prof. Andrea Saba, andrea.saba@conservatorio.pr.it

Regolamento per le iscrizioni alle Masterclass del Boito